“L’arte è solo una maniera di vivere.” ― Rainer Maria Rilke

Modartech e Lumiscaphe: la moda del futuro è in 3D

Nov 10, 17 • Eventi, HighlightsNo Comments

Una speciale lezione sulla moda del futuro. È quella organizzata da Istituto Modartech e tenuta da Marco Casali, CEO di Strategie Cad, partner dell’Istituto, che dal Museo Piaggio di Pontedera, nell’ultima giornata di Crea©tivity, racconta la tecnologia Lumiscaphe, le attività formative dedicate agli studenti e offre la possibilità di toccare con mano la realtà aumentata grazie ad una speciale demo rivolta a scuole superiori, università, professionisti e aziende.


Da sempre Modartech dedica spazio alle nuove tecnologie applicate al settore moda – dice Alessandro Bertini, direttore dell’Istituto – e nell’ambito delle attività formative adotta un approccio laboratoriale ed esperienziale che stimola i ragazzi ad una conoscenza specialistica. La lezione che abbiamo voluto organizzare nell’ambito di Crea©tivity, nasce dalla collaborazione con Strategie Cad-Lumiscaphe, con l’obiettivo di creare sinergie sul territorio coinvolgendo non solo i nostri allievi ma numerose realtà votate a ricerca, creatività e innovazione”.


L’azienda francese Lumiscaphe – spiega Casali – distribuita in Italia da Strategie Cad, da quindici anni sviluppa tecnologie di rendering e immersione nella realtà aumentata che possono essere applicate ad ogni settore, compreso il mercato fashion, come dimostra la proficua collaborazione con Modartech, con il quale abbiamo lavorato per portare questo sistema avveniristico nel settore della moda”.

 

Grazie a questa tecnologia, dopo aver progettato un oggetto con un cad tridimensionale, è possibile “trasportarlo” all’interno della realtà aumentata che permette di modificarlo e personalizzarlo definendo le aree, aggiungendo dettagli e creando materiali con una resa e un sistema di luci tali da renderlo molto simile ad un prototipo vero e proprio. Soluzioni che rendono il più realistica possibile l’esperienza di creazione e visualizzazione di un prodotto.

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin

Tags: , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*