“L’arte è solo una maniera di vivere.” ― Rainer Maria Rilke

Istituto Modartech realizza gli abiti di Cavalleria Rusticana

Lug 11, 17 • Eventi, HighlightsNo Comments

Turiddu, Lola, Alfio e Santuzza vestiti di scarti. La magia del riciclo creativo targato SCART® torna a calcare il palco dell’Anfiteatro Fonte Mazzola di Peccioli dove il 13 luglio andrà in scena per la Rassegna 11 Lune Cavalleria Rusticana, seconda produzione lirica della Fondazione Peccioliper in collaborazione con l’Accademia Musicale Alta Valdera e con la regia di Gianmaria Romagnoli.

L’opera, capolavoro del compositore livornese Pietro Mascagni, vedrà per la prima volta i protagonisti e le comparse vestire abiti realizzati al 100% con materiale di recupero, proveniente dall’Officina SCART® di Waste Recycling, che dallo scorso anno è entrata a far parte del Gruppo Hera.

 

A realizzare i costumi di scena alcune studentesse del corso in Design e Progettazione della Moda, Fashion Technology, Modellista cad abbigliamento dell’Istituto Modartech di Pontedera, coordinate dalla stilista e docente di Fashion Design Chiara Mosti. Le giovani creative Beatrice Bazzano, Marta Palatresi, Irene Gonnelli, Laura Stellato, Margherita Giovannelli, Benedetta Dami, Elena Norci ed Erica Di Marco sono state ospiti dell’Officina SCART® di Waste Recycling per tre settimane. Dopo una ricerca storica sugli abiti di scena, la realizzazione dei bozzetti e dei cartamodelli, le studentesse hanno selezionato tessuti e materiali alternativi direttamente nei depositi in cui i rifiuti industriali di vario genere permangono per breve tempo prima di essere avviati a recupero o a smaltimento. Per poi proseguire con il taglio, la confezione, le applicazioni e il fitting con gli attori protagonisti e le comparse.

Una prova di stile in grado di dimostrare cosa possono diventare cavi e fili elettrici, componenti hardware per computer, ritagli di pelle e oggetti “sbagliati” destinati allo smaltimento come tomaie, provette e vari componenti per l’industria biomedicale e della moda, occhiali e cravatte. Così il protagonista della pièce, Turiddu, indossa scarti di plastica, elementi di laboratorio decorano gli abiti di Santuzza, tappi di bottiglia trapuntano il mantello vescovile e si allineano a formare il tricolore nella tipica fascia del primo cittadino, mentre una zanzariera dà forma e struttura all’abito nero del lutto siciliano indossato dalla madre di Turiddu.
A far da sfondo all’opera prima del Mascagni scene realizzate sempre nell’ambito del progetto SCART® che interpretano con i rifiuti industriali interni ed esterni di una chiesa siciliana nel giorno di Pasqua.
Tra gli arredi REDwaste, una pala realizzata da Maurizio Giani  – amministratore delegato di Waste Recycling  – ed Elvira Todaro, interpretazione della Deposizione del Rosso Fiorentino, interamente realizzata con rifiuti industriali provenienti dal mondo manifatturiero e industriale italiano. Scarti di lavorazione prodotti dal tessile, dai calzaturifici, dall’industria farmaceutica e dai mobilifici del territorio. Così il Cristo è il risultato dell’assemblaggio di accessori di borsettifici toscani e la disperazione della Maddalena è tratteggiata da centinaia di cerniere lampo. Infine  scarpe, catarifrangenti e tastiere di computer danno vita a tutti gli altri personaggi sul Golgota.

“Con Cavalleria Rusticana si rinnova la vocazione del progetto SCART®, attento ai giovani e alla loro formazione – spiega Maurizio Giani, amministratore delegato di Waste Recycling che dallo scorso anno è entrata a far parte del Gruppo Herambiente – SCART® è un laboratorio di idee sempre aperto alle istituzioni anche attraverso rapporti di partenariato, come dimostrano le belle sinergie create finora con il territorio, penso all’Accademia di Belle Arti, al Comune di Santa Croce sull’Arno, Villa Pacchiani e ora a questa eccellenza nel campo della moda che è l’Istituto Modartech”. Una vocazione quella di SCART® che si è espressa nei mesi scorsi nelle prime due tappe di una mostra itinerante, fortemente voluta dal Gruppo Hera, che ha portato l’arte fatta con i rifiuti a Ravenna e Imola. Prossima tappa Modena nel mese di settembre.

Nell’ambito della rete di collaborazioni che abbiamo stretto con il territorio e le eccellenze toscane – aggiunge il Direttore di Modartech Alessandro Bertinisiamo particolarmente felici di aver instaurato un rapporto proficuo con il progetto SCART® di Waste Recycling. Questa collaborazione si inserisce infatti in una cornice più ampia e dà continuità al progetto avviato in occasione del Fashion Show dell’Istituto Modartech, sul tema della sostenibilità e della sensibilizzazione al riuso. Già in questa precedente occasione i nostri studenti hanno avuto modo di lavorare all’interno dell’Officina SCART®, opportunità in linea con la formazione laboratoriale che caratterizza Modartech. I nostri progetti didattici, infatti, sono pensati e strutturati per preparare fin da subito gli studenti a dinamiche, tempistiche e metodologie dell’attività lavorativa e delle professioni creative, oltre che alle nozioni tecniche”.

A interpretare i ruoli principali di questa Cavalleria Rusticana tutta green gli attori Lisa Houben (Santuzza), Chiara Manese (Lucia), Gianni Leccese (Turiddu), Francesco Baiocchi (Alfio) e Daniela Banasova (Lola). Le musiche saranno eseguite dall’Orchestra Lirico-Sinfonica del Teatro dell’Opera di Volterra e interpretate dalla Corale Valdera. Maestro di palcoscenico è Luciano Nesi, direttore musicale del palcoscenico Andrea Lucchesi. Maestro collaboratore Andrea Tobia, direttore e maestro concertatore Simone Valeri.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedin

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*